«

»

Esperienza della Festa del Natale ACR 2015

Le magie, si sa, avvengono a Natale e anche quest’anno questa santa festa non si è smentita.
Ha portato tanti sorrisi, tanta gioia e una meravigliosa allegria all’A.C.R. della nostra diocesi. Radunando tutte le parrocchie, il Natale ha portato tanti doni ma tre sono quelli più grandi: i bambini, gli educatori al servizio e il Vescovo Giovanni. Ognuno di essi ha una valenza importante e ha fatto in modo da rendere centinaia di persone tra bambini, giovani e adulti… davvero felici!

Ma andiamo per gradi e analizziamo il primo grande dono che il Signore, attraverso il suo Natale, ci ha donato: i bambini.
Al loro servizio sono tante le difficoltà da affrontare ma altrettante sono le soddisfazioni che ci trasmettono. Vedere tanti bambini riuniti in un unico grande cerchio, vederli saltare, cantare, ballare, unire le mani per pregare… è un’emozione che ti fa fermare il cuore, ti fa saltare un battito.
Ripensi a tutte le volte che ci si è riuniti per organizzare le attività, i momenti di preghiera, i campi, le feste e gli incontri diocesani… ripensi a quando eri stanco alla sera, dopo una giornata intera fuori casa, e stavi lì a crucciarti ore e ore in cerca di idee, di giochi, di messaggi tali da lasciare qualcosa ai bambini, qualcosa che li aiuti nella propria crescita e formazione personale. Ed è allora che capisci che ne è valsa davvero la pena!
Che hai avuto la tua ricompensa… il tuo regalo di Natale firmato Gesù.
Poi ci sono loro, gli educatori, altro grande dono di Dio. Il loro impegno costante, a partire dalla parrocchia e a finire in diocesi, è la manifestazione di una vocazione vera e propria, di una chiamata che arriva “dall’alto” e che ogni giorno è fomentata dallo Spirito, come un eterno fuoco che arde. L’entusiasmo che dimostrano ogni volta rappresenta un valore unico e il loro dedicarsi completamente ai bambini e ragazzi è ciò che li differenzia anche agli occhi di Dio. Ogni educatore sa che con la sua scelta va incontro ad oneri ed onori, che il suo compito non si circoncide all’attività in parrocchia ma che va oltre. Educatore lo si è ogni giorno e attraverso le piccole cose. Le nostre “piccole cose” sono i momenti che riusciamo a vivere insieme con i nostri bambini e ragazzi.

Ma Il Signore quest’anno ha voluto davvero esagerare, donandoci un altro grande dono: il Vescovo Giovanni. Egli ha sempre parole buone e giuste per tutti noi. Durante la festa ci ha ricordato il senso vero dell’amore e, parlando a tutti i bambini e ragazzi come se fosse il loro migliore amico, ha lasciato un grande insegnamento:
“ Amare tutti, amare sempre, senza pretendere nulla in cambio”
Come un rito questa frase è stata ripetuta all’unisono da tutti i presenti, così da sedimentarsi e incidersi nei cuori di ognuno.
Con questi grandi regali nel cuore e nell’anima, dopo animazione, giochi e preghiera (ma anche un po’ di dolcini natalizi) la festa si conclude. Ognuno di noi torna a casa più ricco, con tre doni da custodire per sempre.

Ancora auguri di buon anno a tutti voi, affinché possiamo vivere altri 100 e più momenti così.

Chiara Stanislao
Consigliera diocesana A.C.R.