Nuovo Consiglio Diocesano

Il nuovo consiglio Diocesano ha un presidente, le cariche e le nomine degli assistenti sono consultabili alla pagina Il Consiglio.
nomina

Elezioni Consiglio Diocesano

Lettera a cuore Aperto alla mia famiglia di AC

E’ proprio vero ! Il vangelo è VITA e questa VITA è stata alimentata dal lavoro svolto in questi tre anni di Presidenza AC. I volti incontrati, le persone conosciute, nuove amicizie, gioie, delusioni, progetti realizzati, cammini intrapresi, sono tutto un dono di Dio che, ancora una volta, si è manifestato anche grazie al cammino in Associazione. Ho considerato la famiglia di Azione Cattolica, da sempre, la mia seconda famiglia e al termine di questo mandato posso testimoniarlo ancora di più. E’ nel nome di Gesù per le cose fatte con Lui e per Lui che, senza volerlo inevitabilmente sono nate relazioni, relazioni “autentiche”. Non è un caso che il titolo di questa Assemblea infatti, ci riporti al convegno Diocesano vissuto pochi mesi fa e quindi, inevitabilmente, “alla famiglia”.

Sento il desidero di ringraziare il Signore per il dono che ci ha fatto e mi ha fatto del nostro “Papà Spirituale” sua Eccellenza Monsignor Giovanni D’Alise, con il quale ho e abbiamo condiviso il nostro Percorso Formativo, Spirituale e Pastorale di questo triennio. Lo ringrazio per la “paternità” con la quale ci ha sempre trattato, sempre premuroso e affettuoso e pronto ad incoraggiarci davanti le difficoltà. Lo ringrazio per essere un uomo di Dio, un uomo che non è capace di “presiedere” perché capace a fare molto di più, cioè “di essere presente”. La sua presenza è stata in questi anni, elemento essenziale e “vitale” per il nostro cammino e per la nostra stessa credibilità. Prendo a cuore l’invito che ci fatto in questa Assemblea Diocesana di chiusura lavori: “continuate ad essere persone che aiutano a far maturare i Laici, tanto da diventare come AC, Madre di tutti i Laici”. E’ con lui che sento di ringraziare appunto, tutti i Laici, presidenti Parrocchiali, educatori, animatori, Assistenti parrocchiali con il quale ho camminato e con i quali abbiamo lavorato insieme per “formare” Laici maturi, responsabili e Corresponsabili. I cammini proposti a livello Diocesano sono sempre riusciti grazie al loro intervento, coinvolgimento, interessamento ed entusiasmo.

Ancora GRAZIE al Consiglio Diocesano uscente, in modo particolare a quelli che non hanno rinnovato la candidatura per un secondo mandato. Siete parte di me, fratelli e sorelle con il quale ho condiviso gioie e dispiaceri, soddisfazioni e sacrifici che questo cammino ci ha dato. E’ nel nome di Gesù che si costruiscono “relazioni autentiche” e con voi posso dire di averne fatto pienamente esperienza. Ringrazio il consiglio Diocesano uscente per l’instancabile servizio offerto all’Ac e alla nostra Chiesa Diocesana, mi avete testimoniato e tramesso passione e interesse, gratuità e servizio con un unica Causa: appartenere a Gesù grazie al cammino in Associazione. L’Azione Cattolica Diocesana termina un cammino per intraprenderne uno nuovo. Ad un consiglio uscente ne subentra uno nuovo, con nuove candidature, nuovi volti, nuove storie ed esperienze. Ciò che ci permette di essere “saldi nell’Amore alla Chiesa” è la stessa vocazione profonda insita nel nostro statuto: “Appartenere alla Chiesa e a nessun altro”. Il nuovo Consiglio Diocesano continuerà a far bene, a dar VITA a nuove relazioni, a far crescere la “stessa famiglia” di Ac in virtù di questo principio che accomuna tutti i tesserati di AC: “lavorare insieme per il bene e per Amore della stessa Chiesa. Formare Laici in modo maturo e corresponsabile”.

Passa un triennio, finisce un mandato e termina il mio ruolo di Presidente. Come ho sempre fatto, ringraziandola pubblicamente, affido alla Madonna il nuovo cammino e le nuove sfide Associative. Lei è la mia e nostra garanzia, per la nostra Associazione e per la nostra Chiesa, locale e universale. La nostra è una bella famiglia, una famiglia che grazie al suo Aiuto crescerà, si fortificherà e renderà frutti per il bene della Chiesa.
Duc in Altum Azione Cattolica, GRAZIE per il dono che sei !!!!

Presidente Diocesano Uscente

Antonio Milano

 

 

Leggi l’articolo pubblicato sul Poliedro

Documento Assembleare 2014-2017

Documento Relazione Assembleare

Candidati consiglio diocesano

Carissimi amici di A.C.
ecco a voi i candidati al nuovo Consiglio Diocesano 2017-2020. Vi ricordiamo che l’Assemblea diocesana si terrà domenica 12 febbraio alle ore 16.00. Non mancate!
Candidati

Assemblea Diocesana

12 febbraio 2017
16:00a18:00

 
 
E’ con GIOIA che vi comunichiamo ufficialmente la data dell’Assemblea Diocesana a tema “la Gioia dell’Amore nella Famiglia di A.C.” che porterà, nel momento elettivo, alla formulazione del nuovo Consiglio Diocesano del triennio 2017-2020. Quello 2014-2017 è stato un triennio straordinario frutto del lavoro di chi si è messo totalmente in gioco nella famiglia di Azione Cattolica sacrificando tempo e non solo per la GIOIA del prossimo che sia esso un bambino, un giovane o un adulto. Un triennio volto all’UNITA’ e ad un cammino INSIEME, come solo una famiglia sa fare.

L’Assemblea Diocesana si terrà domenica 12 febbraio alle ore 16.00 presso la Biblioteca diocesana; si tratterà di un reale momento di condivisione e verifica del triennio passato, frutto di ricordi e di nuovi buoni propositi e linee guida per il triennio che verrà.
Interverranno il Vescovo di Caserta Sua Ecc. Mons. D’Alise, oltre che il presidente A.C. diocesano Antonio Milano e due ospiti d’onore: un delegato A.C. regionale ed uno nazionale di cui non vi sveliamo ancora i nomi.

Locandina AssembleaAC1

Auguri dal Consiglio diocesano A.C. Caserta

Auguri dal Consiglio diocesano A.C. Caserta
fb_img_1482680136838

XI giornata per la custodia del creato

24 settembre 2016
16:00a20:00

 
 

L’Azione Cattolica partecipa alla giornata regionale per la custodia del Creato!
il 24 settembre dalle 16:00 a Nola
Locandina evento
file-page1

Giubilandia 2016

5 novembre 2016
15:00a19:00

 
 

Salve a tutti,
pronti per ripartire? Eh si, quest’anno si ricomincia in grande!
Sapete, quest’estate ci siamo guardati negli occhi e il cuore si è illuminato perchè ci è venuto in mente un grande dono da poter fare ai nostri piccoli. Ci siamo detti: “Perchè non far vivere il Giubileo anche ai bambini della nostra Diocesi?” e così…il 5 NOVEMBRE anche i nostri cuccioli attraverseranno la Porta Santa.
I vostri presidenti sono stati già contattati dal nostro presidente diocesano, Antonio Milano, che ha dato tutte le informazioni necessarie per vivere al meglio questo momento. Io vi chiedo semplicemente di vivere con entusiasmo questo evento e di contagiare di gioia anche i bambini che ci sono stati affidati, collaborando tra noi e con le associazioni coinvolte in questo cammino che ci vede impegnati. INSIEME e con la stessa genuità che caratterizza i bambini! Vi allego la locandina che potrete condividere nei vostri gruppi.
Per qualunque cosa contattateci all’indirizzo mail segreteriaaaccasertai
e mi raccomando cliccate MI PIACE (ed inviate a cliccare MI PIACE) sulla pagina Facebook Giubilandia 2016.
Vi abbraccio

Margherita Di Palma
Responsabile A.C.R. Diocesana

giubilandia-24018

costruiAMO la nostra AC

Chiudete gli occhi e immaginatevi in una stazione. Sentirete, così, il “ciuffettio” dei treni. Vedrete treni che arrivano e che partono. Vedrete persone che corrono per non arrivare in ritardo, nonni che accompagnano i nipotini amanti di treni, persone che attendono i ritardi, persone che chiacchierano e che magari si sono conosciute da poco. Immaginate di percepire il profumo di una stazione.

Per qualcuno tutto ciò non è stato un sogno, ma la realtà che ha vissuto lo scorso 12 giugno 2016 durante la festa unitaria di Azione Cattolica, in una grande stazione, la parrocchia San Biagio vescovo e martire di Limatola. Parrocchia che dopo vent’anni ha avuto il piacere e la gioia di accogliere a braccia spalancate, anzi spalancatissime, i tanti bambini, ragazzi, giovani e adulti che camminano lungo le strade dell’ AC, dando la possibilità di scendere in campo e andare per le periferie della nostra città e diocesi con coraggio come ha anche detto il nostro caro vescovo S.E. Mons. Giovanni D’Alise.

costruiAmo la nostra AC”. Questo è stato il filo conduttore che ha accompagnato lo sferragliare dei treni parrocchiali presenti alla festa. L’Azione Cattolica ha vissuto un anno intenso, attraversando valli, pianure e gallerie senza sosta, ma lavorando al servizio dei più piccoli e dei più grandi. Chissà quante avventure vissute, chissà quante parole dette al momento giusto, chissà quante esperienze di crescita e di amore custodite nel cuore. E, così, l’AC si è fermata ad ascoltare le parrocchie che ritornavano dallo splendido viaggio per capire quanto di bello avessero costruito.

Sono le 9,30. Limatola è invasa. C’è musica, si balla. Si è inebriati dalle risate fresche dei bambini. Si sente aria di famiglia, la famiglia di AC.

È indescrivibile l’emozione che si prova nel condividersi, nel viversi, nel vedere quanti cuori battono all’unisono. Guardi, così, il cielo e ringrazi Dio perché siamo lì tutti per Lui…e Lui c’è, è presente. Lo vedi negli occhi degli adulti, nelle corse dei bambini, negli scherzi dei giovani. «Dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro» (Mc, 18, 20).

Le parrocchie entrano in chiesa attraversando un telo che rappresenta un binario e portando in mano una valigia che racchiude quanto di bello e costruttivo hanno creato in quest’anno. Ad accogliere tutti è un mega treno costruito dai favolosi ragazzi dell’AC di Limatola.

Man mano che si entra, ogni parrocchia pone ai piedi dell’altare e davanti al treno la propria valigia, un tesoro che custodisce un anno di cammino.

A guardare amorevolmente i suoi figli c’è il nostro vescovo Giovanni. Eh sí, è proprio innamorato della sua gente!

La messa inizia. Il pane viene spezzato e condiviso tra quei bambini, giovani e adulti che hanno fame di Cristo e che lo testimoniamo con fremito. Siate ponte con le famiglie che incontrate tutti i giorni. Queste sono le parole del vescovo che hanno arricchito e fecondato la celebrazione eucaristica, toccando soprattutto i presidenti parrocchiali e gli adulti presenti.

La messa è finita. L’ACR, i giovanissimi e i giovani si recano nel campetto dove tutto è pronto per iniziare le attività organizzate. I bambini iniziano a correre, i giovani li accompagnano e li guidano nel gioco, proprio come farebbero i fratelli maggiori nel prendersi cura dei più piccoli. Tutto questo da carica perché ti fa ammirare la bellezza fraterna del costruire insieme per e con gli altri.

Gli adulti e i presidenti parrocchiali intanto sono con il vescovo. Amate la croce davanti le difficoltà che incontrate in parrocchia. È così che dimostrate a Dio di amarlo veramente. Che forte sprono ha dato ai presenti il nostro papà spirituale, come ama chiamarlo il nostro presidente diocesano. Proprio come un padre, ha spinto a non mollare, a non lasciarsi prendere dallo sconforto che a volte ci abbraccia. Ha incitato a scendere nelle periferie della comprensione, del tendere la mano e della misericordia.

La festa è continuata nello stare insieme, nell’ascoltarci, nel condividere e condividerci. Neanche la pioggia ci ha fermato perché all’AC il sole splende dentro e ha illuminato e fatto vibrare di gioia le mura di San Biagio.

Tutto questo non sarebbe stato possibile senza la collaborazione di tutte le parrocchie che hanno partecipato e che si sono sporcate veramente le mani nell’aiutare l’équipe diocesana nell’organizzazione. Non sarebbe stato possibile senza la calorosa accoglienza di Mons. Pietro De Felice e soprattutto di cinque meravigliosi ragazzi, Mimmo e Mafalda, Caterina, Pietro e Martina, che ci hanno messo il cuore. Tutto questo non sarebbe stato possibile senza un’équipe diocesana che negli ultimi tempi ha mangiato pane e sudore e senza un grande presidente, Antonio Milano, che ha fatto emergere tutte le qualità di chi collabora con lui.

Chi ha voluto tutto ciò è stato Dio, che ha chiamato ognuno di noi e che soffiando il Suo Spirito non ci ha fatto sentire la stanchezza, ma ci ha riempito semplicemente i cuori di felicità.

Margherita Di Palma

Festa Unitaria 2016

12 giugno 2016
10:00a16:00

Ma se per un momento chiudete gli occhi e pensate alla festa unitaria dell’A.C… cosa vi viene in mente?
Magari colori, sorrisi, musica, preghiera, servizio…

Personalmente la primissima immagine che mi balza alla testa è un piazzale pieno di bambini, giovani e adulti in cerchio che ballano, cantano e sorridono forte. Poi, riaprendo gli occhi… eureka! Questa cosa si può fare! Questa cosa si farà!

Il 12 giugno presso la parrocchia S. Biagio di Limatola ciò che immagino sarà realtà. La festa unitaria degli incontri di A.C. si terrà davvero e sarà ricca di tutto ciò che ognuno di noi immagina per sé stessi, per i bambini, per i giovani e per gli adulti.

Dopo aver “viaggiato” un intero anno associativo e aver preso tutto il buono che c’è dalle persone che abbiamo incontrato, troviamo sulle nostre spalle un bagaglio pieno di esperienze, emozioni, ricordi. Ma abbiamo costruito qualcosa? Abbiamo davvero messo in pratica ogni insegnamento di Gesù?
Sotto lo slogan “costruiAMO insieme la nostra A.C.” il consiglio diocesano ha pensato a una intera giornata che ci porterà, pezzo dopo pezzo, a costruire INSIEME la nostra Azione Cattolica. Come?! Ma con tante attività targate A.C. e guidate dalla luce di Gesù. Non voglio svelarvi troppo, me le attività saranno varie e ognuna sarà rivolta alla comunione e alla condivisione tra grandi e piccini.

Durante la mattinata, dopo l’accoglienza iniziale, si terrà la Santa Messa presieduta dal nostro Vescovo Giovanni e subito dopo un momento di festa per giovani e bambini. Intanto tutti i presidenti e tutti gli adulti saranno impegnati nell’assemblea diocesana di fine anno con tema “Amoris Laetita: coltiviamo la nostra famiglia”. Invitiamo tutti gli adulti alla partecipazione, nonché tutti i genitori dei bambini A.C.R.
Dopodiché ci sarà il consueto pranzo a sacco, momento fondamentale per rifocillarci e prendere tutte le energie fondamentali per affrontare le attività pomeridiane che culmineranno in un momento finale di verifica e preghiera.

Insomma, so di non avervi detto granché… ma spero di aver stuzzicato la vostra curiosità. Ciò che posso dirvi è che abbiamo grandi piani per voi e che anche questa sarà una festa da ricordare.
Non mi resta che darvi appuntamento al 12 giugno… destinazione LIMATOLA!

CostruiAMO insieme la nostra A.C.

Io ci sarò, e voi?

Chiara Stanislao
Consigliera diocesana A.C.R.
Segretaria diocesana A.C.

Post precedenti «